Translate

domenica 28 ottobre 2012


La luce indiretta o diffusa: realizziamola con una cornice in gesso e delle strisce Led


Le cornici in gesso per luce diffusa sono un modo nuovo e veloce per illuminare gli ambienti e le stanze di un appartamento garantendo al contempo un benefico effetto rilassante.
La differenza fondamentale tra una luce diretta ed una indiretta è dovuta alla caratteristica del corpo illuminante: sei il primo (solitamente un lampadario, un punto luce a vista o un faretto) colpisce direttamente l’occhio, abbagliandolo, nel secondo caso il corpo illuminante è nascosto alla vista e riflette la luce sul soffitto o nel punto desiderato.
Saper dosare bene le luci all’interno di una stanza è quindi fondamentale: la luce indiretta proprio perché riflessa nella maggior parte dei casi riesce ad aumentare lo spazio percepito, con un benefico effetto rilassante grazie al gioco di luci ed ombre. Parallelamente una luce diretta è fondamentale nei punti in cui si svolge la vita della casa: su un tavolo, uno scrittoio vicino ad un divano per la lettura.
Oggi vi presentiamo un prodotto molto interessante: una cornice in gesso per luce diffusa. In questo caso la forma della cornice, solitamente fissata sulla parete ad una distanza di 15/20 centimetri dal soffitto, nasconde il corpo illuminante (neon o led con relativi reattori). La luce vine quindi riflessa sul soffitto e si diffonde per tutta la stanza. Il tutto estremamente facile da fissare (grazie ai collanti) veloce ed economico: il costo della sola cornice in gesso è di circa 12 Euro al metro lineare a cui si deve aggiungere il costo dei tubi fluorescenti …

http://stores.ebay.it/SUN-ESTETIC-STORE-Beauty-equipment/STRISCE-LED-/_i.html?_fsub=3627777017&_sid=1001806087&_trksid=p4634.c0.m322 

 

venerdì 26 ottobre 2012


Apparecchiature Estetiche, annullamento del decreto 110/2011: oggi si è conclusa la tanto attesa udienza al TAR del Lazio

Oggi al Tar del Lazio gli avvocati di Confestetica hanno concluso l’udienza riguardo l’annullamento del Decreto 12 maggio 2011, n. 110 – Regolamento di attuazione dell’art. 10, comma 1, della legge 4 gennaio 1990, n. 1, relativo agli apparecchi elettromeccanici utilizzati per l’attività di estetista – emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero della Salute e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 163 del 15 luglio 2011.

All’udienza non erano presenti gli avvocati dei Ministeri citati.
Confestetica ha chiesto l’annullamento e ha fatto ricorso al Tar perché crede che questo decreto abbia cancellato un ventennio di evoluzione tecnologica nel mondo dell’estetista, non provvedendo, di fatto, a cristallizzare una situazione di professionalità e sicurezza che invece gli operatori del settore avevano acquisito sul campo, investendo personalmente risorse, soprattutto economiche, per l’aggiornamento ed il reperimento di tecniche efficaci e, al contempo, sicure.

Il preoccupante ritardo con cui si è intervenuto nella materia de qua ha doppiamente leso la categoria che, infatti, si è vista per lungo tempo riconoscere diritti che, oggi, senza che si possano individuare le ragioni precise e scientifiche, le vengono tolti, senza tenere in debita considerazione gli onerosi investimenti fatti e delle energie profuse nella propria attività. Occorre tenere a mente che ogni macchinario tra quelli sopra citati ha un costo che si aggira intorno ai 50.000,00 Euro e che il costo oggi richiesto per l’adeguamento ai nuovi parametri, per le attrezzature ancora lecite, comporterà un ulteriore esborso di 10.000,00 Euro per l’aggiornamento del software e degli accessori.
Il danno alla categoria ora brevemente rappresentato non pare bilanciato affatto dalle motivazioni addotte dal decreto interministeriale 110/2011, ed atti richiamati per relationem, che, a ben vedere, penalizza fortemente la categoria, oltre che i consumatori.
Orbene, alla luce di tali disposizioni costituzionali sopravvenute nell’anno 2001, rispetto all’emanazione della legge quadro in materia che risale al 1990, ne discenderebbe oggi che i Ministeri non avrebbero più alcuna potestà regolamentare nella materia de qua, qualora la si volesse considerare rientrante nel novero di quelle di legislazione concorrente (ovvero residuale), assodato che tanto le professioni che la tutela della salute non sono comprese tra le materie di legislazione esclusiva (ove lo Stato conserva ancora la potestà regolamentare).
In questo nuovo assetto costituzionale, pertanto, sono le Regioni a dovere emanare i regolamenti in tutte quelle materie che non sono di esclusiva spettanza dell’amministrazione centrale, così come indicate nel secondo comma dell’art. 117 Cost.
L’attività di estetista, a ben vedere, può dirsi ricompresa, al più, tra le professioni con la conseguenza che la materia de qua deve essere trattata secondo i principi indicati dall’art. 117 Cost., comma 3 (legislazione concorrente). Anche qualora poi si volessero ravvisare nella fattispecie in questione profili legati alla tutela della salute, ugualmente si perverrebbe alla medesima conclusione, dal momento che anche la tutela della salute è annoverata tra le materie di legislazione concorrente.
Tanto il Ministero dello Sviluppo Economico che quella della Salute, pertanto, non avrebbero più alcuna competenza in merito alla emanazione di un regolamento come quello oggi impugnato, oggi trasferita, secondo il chiaro disposto della Costituzione, alle Regioni.
A conferma di quanto appena esposto, si consideri che la Regione Toscana ha varato una propria legge volta a regolamentare sul proprio territorio l’attività di estetica e di tatuaggio e piercing.

Ora non ci resta che attendere l’esito della sentenza che si attende per la metà di novembre p.v.


giovedì 25 ottobre 2012





Esthetiworld 27-28-29 Ottobre 2012




Esthetiworld
E’ il grande appuntamento dedicato al mondo dell’estetica applicata, della dermatologia e del nail ed è un’iniziativa congressuale che offre alle estetiste un sistema d’eccellenza per arricchire la propria professionalità. Un evento con contenuti inediti, che nasce dall’esperienza delle più importanti riviste del settore: Les Nouvelles Esthétiques (già organizzatori del Congresso Italiano di Estetica applicata), Esthetitaly e Love Nails oltre che dal know-how di Cosmoprof Worldwide Bologna, manifestazione leader mondiale nel settore della bellezza. Alla sua 2°edizione,  ma lavora con una rete di relazioni nazionali e internazionali, proponendo tematiche scientifiche importanti con l’obiettivo di promuovere professionalità e contenuti.
Esthetiworld avrà un’area espositiva di livello, dove sarà possibile  incontrare le migliori aziende di estetica, attrezzature e nail e conoscere le  più importanti novità del settore.
Due i Congressi che animeranno la parte di approfondimento pratico/teorico della professione:
Il 33° Congresso Italiano di Estetica applicata (con la collaborazione di Les Nouvelles Esthétiques).
Inoltre, per la prima volta in Italia, Esthetiworld in collaborazione con Love Nails presenterà una novità assoluta dedicata al “Nail World”: si terrà infatti il 1° Congresso Italiano Nail


Il Congresso

Esthetiworld offre un calendario di grandissimo spessore e di vivace interesse per l’aggiornamento culturale e professionale dei visitatori:
Il ricco complesso di eventi e convegni, workshop e presentazioni aziendali rappresenta un occasione unica di incontro per tutti gli operatori del settore.

CONGRESSI

33° CONGRESSO ITALIANO DI ESTETICA APPLICATA
IN COLLABORAZIONE CON LES NOUVELLES ESTHETIQUES ed ESTHETITALY

I migliori esperti e ricercatori offriranno ai visitatori la possibilità di conoscere non solo le più recenti innovazioni dermocosmetiche e tecnologiche, ma anche le più efficaci strategie imprenditoriali. Tante le tematiche da approfondire, con grandi protagonisti che svilupperanno diversi e stimolanti argomenti.
Stiamo preparando un grande Congresso con un programma innovativo, per rompere vecchi schemi e scegliere la direzione del cambiamento e del progresso. L’obiettivo è: crescita, sviluppo, innovazione”, afferma Nennella Santelli, Direttore di Les Nouvelles Esthétiques ed ideatrice del Congresso. “I più affermati protagonisti del settore tratteranno gli sviluppi più recenti in materia di Cosmetologia e Dermatologia, Tecnologia ed Estetica Applicata, e non mancheranno sessioni dedicate alle tematiche più attuali e controverse della professione“.
Molti dei temi proposti saranno incentrati sulla gestione e sullo sviluppo della propria attività, con case-history di Estetiste di successo che forniranno ai partecipanti Congressisti interessanti spunti di applicazione concreta per la crescita dell’impresa”, aggiunge Silvia Fossati, Direttore di Esthetitaly.
Scarica il programma preliminare
1° CONGRESSO ITALIANO NAIL
Per la prima volta in Italia, Esthetiworld in collaborazione con Love Nails presenterà una novità assoluta dedicata al “Nail World”: si terrà infatti il 1° Congresso Italiano Nail, durante il quale i più noti esperti del settore, i più attivi blogger italiani e i trend setter proporranno contenuti e approfondimenti scientifici, anticipazioni sulle tendenze fashion e make-up della prossima stagione e le ultime novità dal mondo della ricerca e del mercato.
Scarica il programma preliminare


foto

SCOPRI IN ANTEPRIMA LE NOVITA’ DEGLI ESPOSITORI DI ESTHETIWORLD!

Esthetiworld 2012 non è solo un appuntamento imperdibile per aggiornarsi professionalmente grazie ai Congressi di Estetica e Nail, ma è anche una vetrina esclusiva dove poter vedere in anteprima i lanci sul mercato delle aziende presenti in manifestazione. SCOPRI IN ANTEPRIMA LE NOVITA’ PRODOTTO!




 

Conoscenze base sull’alimentazione e i principali nutrienti

piramide alimentare



Non perdete un'occasione unica per formarvi e accrescere la vostra professionalità, vi aspettiamo per la prima lezione
LUNEDI' 26 NOVEMBRE 2012 DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 18.00
PRESSO LABORATOIRES BEWELL (ACCADEMIA DI ALTA FORMAZIONE) VIA N. DI GALASSO 21 
47893 SERRAVALLE RSM TEL 0549 903519 FAX 0549 944418 
se interessati inviate una mail a info@laboratoiresbewell.com
Obiettivi del corso

L’obiettivo del corso non è certo quello di permettere di acquisire la competenza di prescrivere diete a chi per legge non possiede questa facoltà (Medici e Biologi). Tuttavia, lo stretto rapporto fiduciario che si instaura tra Cliente e Estetista consente a quest’ultima di poter fornire consigli alimentari generici che possono essere molto utili al Cliente, se dati possedendo una certa competenza in materia. Pertanto, questo corso si propone di:
—  Fornire conoscenze di base sull’alimentazione e sui principali nutrienti.
—  Sottolineare il legame tra alimentazione e salute, in ogni suo aspetto.
—  Fornire nozioni di base sulle più diffuse patologie correlate all’alimentazione, in modo da poter dare al Cliente semplici consigli iniziali.
Relatore
Dott. Paolo Bianchini  
Referente Nutrizione Umbria  Ordine Nazionale dei Biologi
Sito internet: www.bianchinidottpaolo.com
Facebook: Paolo Bianchini Biologo Nutrizionista

http://stores.ebay.it/SUN-ESTETIC-STORE-Beauty-equipment/ATTREZZATURE-ESTETICA-/_i.html?_fsub=2561061017&_sid=1001806087&_trksid=p4634.c0.m322 

mercoledì 24 ottobre 2012



InterCHARM 2013 NON SI FARA’!

Cancellata l’edizione 2013 di InterCHARM

 
 
Reed Exhibitions informa che l’edizione 2013 di InterCHARM MILANO è stata cancellata. 

La decisione può stupire espositori e visitatori dell’edizione appena conclusa, che ha registrato eccellenti risultati soprattutto rispetto alle due edizioni precedenti, con una crescita del numero di visitatori a doppia cifra e un incremento sia a livello nazionale (+9%) che internazionale, per un totale di 34.452 visitatori di cui 6.225 stranieri.

Dietro questa decisione difficile c’è un approccio e una strategia volta a perseguire sempre l’eccellenza a livello globale”, dichiara Solly Cohen, Advisor per l’Italia di Reed Exhibitions.Pur essendo un progetto validissimo, in grado di catturare in poche edizioni l’interesse del settore della beauty industry a livello internazionale, InterCHARM MILANO non è stato in grado di dimensionarsi in modo ottimale, anche a causa della complessa situazione che tutta l’industria sta fronteggiando, e non ha quindi raggiunto i propri obiettivi di sviluppo in termini di spazio espositivo, nonostante gli importanti investimenti fatti per creare o ospitare eventi collaterali di eccellenza”.

Reed Exhibitions Italia ringrazia tutti i partner, le società e le persone che hanno supportato InterCHARM MILANO con un ruolo attivo negli ultimi tre anni.
 

martedì 23 ottobre 2012

Sgabello da dentista



Sgabello da dentista


Malattie professionali:

in Italia un dentista su due ha la schiena knok-out 

Soluzione consigliata :

Sgabello multi regolazioni con schienale

 

 

 

 

 

 

  

   

Questa notizia è stata tratta da: http://www.circolodellasicurezza.com/

Questa la conseguenza di chi passa la maggior parte del proprio tempo di lavoro piegato sul paziente, rotando e inclinando la colonna vertebrale per intervenire all’interno della bocca. Le soluzioni possibili: sgabelli “di nuova generazione”, stretching e opportune tecniche di respirazione

ROMA – Problemi alla schiena per il 50% dei dentisti italiani: passare la maggior parte del proprio tempo di lavoro piegati sul paziente, spesso costretti a rotazioni e inclinazioni oblique della colonna vertebrale per intervenire all’interno della bocca, è una situazione che, prima o poi, genera brutte complicazioni. “La metà degli odontoiatri ha problemi del genere, legati alla cattiva postura”, afferma Gianfranco Prada, presidente Associazione nazionale dentisti italiani (Andi) all’Adnkronos. Un fenomeno confermato anche da Maurizio Ripani, docente di anatomia presso l’università “Foro Italico” di Roma: “I dentisti registrano problemi cervicali, alla zona dorso lombare e sono colpiti da irradiazioni dolorose dovute alle posizioni oblique che mantengono, piegati sui pazienti durante l’intervento. Inoltre possono arrivare ad avere formicolii e ridotta sensibilità nelle mani”.
Dalla cervicale alla gobba. Pericoli ancora più fastidiosi, invece, per i chirurghi, che rischiano di essere più facilmente soggetti a ipercifosi dorsale. “I maghi del bisturi possono sviluppare, in casi estremi, una gobba perché, al contrario dei dentisti, hanno un impatto sulle zone dorsali più massiccio dovuto alla lunghezza delle operazioni”, continua Ripani. “Ore in piedi costretti a rotazioni e allungamenti per lavorare sul paziente possono causare forti dolori e infiammazioni alla cervicale e alla colonna vertebrale degli specialisti. Con dolori e infiammazioni localizzate”.
E c’è chi smette di lavorare per mesi. Meglio, quindi, non sottovalutare – avvertono gli specialisti – la pericolosità di questa malattia professionale. “Questi operatori, senza differenze di età possono arrivare a sviluppare un dolore cronico nelle zone colpite”, sottolinea Ripani. “Una patologia professionale, che spesso li costringe a interrompere anche per mesi l’attività di sala operatoria per dedicarsi alle cure”. Al punto che, avverte Prada, “può accadere, in casi molto gravi, che i colleghi siano costretti a diminuire gli interventi che superano la mezz’ora. Un bel danno anche economico”.
Le soluzioni: dalla ginnastica posturale alla sbarra defaticante. Diverse, e non esclusivamente farmaceutiche – gli antidolorifici, infatti, fanno passare il dolore ma non curano le cause – le soluzioni che possono essere adottate: da stretching e ginnastica per sciogliere lo stress e irrobustire la muscolatura del collo e della schiena all’alternanza delle posizioni durante il lavoro. Da valutare, poi, anche le soluzioni fai-da-te (come, per esempio, attrezzare il proprio studio con una barra a cui appendersi ogni tanto per distendere e defaticare la schiena) o le postazioni progettate per non affaticare il corpo. “Solo da circa 5 anni con la comparsa di sgabelli ‘ad hoc’ alti e regolabili gli odontoiatri hanno finalmente la possibilità di operare nel cavo orale dei pazienti da seduti”, dice Prada. “Uno strumento che ha fatto diminuire l’impatto di questi dolori muscolari”. Infine, conclude Ripani, “imparare a respirare in maniera corretta può allentare il nervosismo e lo stress, una della cause troppe volte sottovalutate dell’indurimento muscolare”.